Atychifobia, ovvero la paura di fallire.

Aggiornato il: giu 18

Uno strano nome per una paura piuttosto comune: quella del fallimento.


La paura è una delle emozioni primarie. Qual è la sua funzione? Sicuramente quella di proteggerci. Quando avvertiamo un pericolo -fisico, esterno o interno a noi- l'amigdala manda un segnale d'allarme a tutto il nostro sistema limbico e alla nostra corteccia pre-frontale facendoci provare la paura. La paura ci ferma, ci blocca a volte ma ci salva. E quando abbiamo paura di sbagliare, di fallire e questa diventa fobia... beh il suo nome è Atychifobia.

Nel breve termine, la paura di fallire influenza tutti gli obiettivi che ci siamo prefissati, le strategie che usiamo per raggiungerli e i criteri utilizzati per capire se si sta andando nella giusta direzione. E quindi cosa facciamo? Niente, ci blocchiamo e tendiamo a procrastinare. Troviamo mille motivi per dirci che la decisione non è quella corretta, che sicuramente faremo qualcosa di sbagliato, che no...è meglio ripensarci, rivedere il piano (già studiato e corretto molte volte) e fare la cosa quando i tempi saranno migliori.

Che cosa si nasconde in realtà dietro (o dentro) l'atychifobia?

La paura di sbagliare, di commettere un errore.

Chissà perché l'errore ci spaventa: non lo accettiamo, manco fossimo macchine perfette, non lo tolleriamo, piuttosto lo perdoniamo agli altri ma non a noi stessi.

Ma cosa comporta l'errore?

1. Imbarazzo. Essere colti in fallo non piace a nessuno, soprattutto quando magari l'errore è solo una svista o una cosa di poca importanza. Proviamo vergogna e paradossalmente più piccola è l'entità dell'errore più grande è l'imbarazzo. Chissà perché non ci accontentiamo di dirci: "è una stupidaggine"...

2. Delusione. Se sbaglio non solo deludo me stesso ma anche chi mi circonda: il mio capo, i miei colleghi, i miei genitori, il partner, gli amici...anche il vicino di casa che incrociamo in ascensore se solo ne viene a conoscenza!

3. La sensazione di non essere abbastanza bravo. Chi è capace generalmente non sbaglia, è perfetto...un grande. Anzi, se sbaglia uno capace...allora sì che il messaggio "può succedere a tutti!" passa. E noi chi siamo? Non facciamo forse parte di quel tutti? No, non quando sbagliamo

Tutte sensazioni "stupende".

Ecco perché dobbiamo educarci all'errore.

L'errore, come diceva qualcuno, è solo esperienza. A chi non piace sperimentare? Quasi a nessuno. E quindi buttiamoci...facciamo, proviamo, cadiamo, rialziamoci. Lo sappiamo fare. Ma soprattutto perdoniamoci! E qualcosa arriverà. Anche Harvard ha creato il Success- Failure Project per i suoi studenti per educarli al fallimento.

Vi segnaliamo anche la lettura de Il fallimento è Rivoluzione. Perché sbagliare fa bene. di Francesca Corrado.

E se non vi abbiamo ancora convinto allora...iscrivetevi ai nostri Webinar Libera te stesso e migliora la tua vita...vi libererete di vecchi schemi e soprattutto godrete dei doni dell'imperfezione. Iscrivetevi qui

Basta...non vi resta che sbagliare!






74 visualizzazioni
  • Bianco LinkedIn Icon
  • Bianco YouTube Icona
  • Bianco Instagram Icona

© Copyright 2018-2020 by E-Skill srl

Contatti

Tel: 02-6615471

Email: info@e-skill.it

Dove siamo

via Milanese 20

Sesto San Giovanni -MILANO

MM5 Lilla-Fermata Bignami