Senza fiducia si ha l'universo contro

E' un concetto espresso da Ralph Waldo Emerson, un filosofo statunitense dell'Ottocento, ispiratore del pragmatismo. E oggi vogliamo dedicare proprio alla fiducia questo post.


Di doman non v'è certezza...diceva Lorenzo il Magnifico.

E partiamo proprio dall'attualità: il periodo iniziato a marzo 2020 e che continua anche oggi è decisamente incerto. Dopo la pandemia mondiale, il lockdown che ci ha destabilizzato un po' tutti e la conseguente ripresa della normalità, ci ritroviamo proprio in questi giorni nuovamente a fare i conti con pericoli, ansie e paure. Non che non si potesse prevedere una situazione di questo tipo...ma chissà perché, siamo anche programmati per lasciare alle spalle ciò che è stato e "dimenticare" alcune cose. Questo però non ci rende pronti di fronte ai cambiamenti o perlomeno ci può far scoprire un po' sorpresi. Perché? L'incertezza è difficile da gestire e soprattutto da programmare. Più facile pensare che "tutto è passato e ce la siamo cavata", oppure che "sicuramente abbiamo imparato qualcosa e sappiamo come comportarci"...salvo poi fare un sobbalzo quando capita qualcosa di diverso dal preventivato o sperato.

E quindi? Siccome non v'è certezza dobbiamo rassegnarci alla paura o all'ansia che succeda qualcosa?

Certo che no! (e qui la certezza c'è tutta). E' sufficiente la FIDUCIA.

Facile direte voi! Vero, ma neanche tanto difficile.

E' indubbio che nelle fasi di incertezza ciò che rende più difficile l'accettazione e la "navigazione" emotiva all'interno della fase stessa è l'ipercontrollo.

Il controllo dà sicurezza: se so che cosa può succedere, se controllo ciò che sta accadendo ho la possibilità di intervenire, correggere, rimediare, fare... Certo, perdo in spontaneità ma posso dire di arrivare dritto al risultato. E questa piacevole sensazione può portarci anche ad esercitare un ipercontrollo. Il risultato? L'illusione di essere pronti, di essere preparati, di agire e agire bene. Ma è un'illusione appunto. Succede qualcosa di non previsto e...puff tutto si sgonfia.

Qual è l'antidoto? La fiducia, è ancora e nuovamente la risposta.

E' necessario imparare a fidarsi: di se stessi, degli altri e del "mondo". La vita spariglia le carte, spesso e volentieri, e noi dobbiamo imparare a stare con le carte all'aria senza farci sopraffare.

Se il vecchio detto recita «fidarsi è bene, ma non fidarsi è meglio», gli ultimi eventi ci insegnano che « fidarsi è bene e non fidarsi è peggio».

Se non ci si fida di nessuno e di niente ci si trova carichi di paura, attenzione e responsabilità e paradossalmente si sbaglia di più e si vive male. La fiducia infatti ci insegna che qualsiasi cosa accada dobbiamo accettarla ma possiamo scegliere come vivere la situazione che ci si presenta.

Sono moltissimi gli esercizi che possiamo fare per esercitare la fiducia e per sviluppare un mindset basato proprio sulla fiducia. Non sono facili, ma possono veramente cambiarci la vita: acquistiamo in calma, sicurezza e motivazione.

Fidare e affidarsi, prendersi cura ma anche permettere agli altri di prendersi cura dei nostri momenti, di una situazione è una bellissima sensazione. Non trovate?

Volete aumentare questa capacità? Seguiteci: nei prossimi giorni ci saranno grandi novità! Fidatevi! :-)


41 visualizzazioni
  • Bianco LinkedIn Icon
  • Bianco YouTube Icona
  • Bianco Instagram Icona

© Copyright 2018-2020 by E-Skill srl

Contatti

Tel: 02-6615471

Email: info@e-skill.it

Dove siamo

via Milanese 20

Sesto San Giovanni -MILANO

MM5 Lilla-Fermata Bignami