Sono cattiva e me ne vanto, ovvero il bullismo al femminile.

Le donne mettono il proprio stile anche nelle persecuzioni: niente ceffoni, spinte o calci. Decisamente out e poco eleganti. Il bullismo femminile è qualcosa di più sottile, tagliente, anche a livello psicologico e per questo molto pericoloso.


Alle parole bullo e bullismo, la maggior parte di noi è portata a pensare a dei maschi. I bulli sono notoriamente maschi mentre le femmine sono, nell'immaginario collettivo, composte, educate, carine... E' proprio il caso di dirlo: siamo di fronte ad una discriminazione di genere che colpisce, questa volta, i maschi.

Le ragazze possono, e molte volte lo sono, essere protagoniste di atti di bullismo contro altre ragazze. Il bullismo femminile è generalmente diverso da quello maschile: meno "fisico", ma più tagliente e altrettanto pericoloso. Si basa soprattutto sulle parole, su giochi e scherzi denigratori velati ma spesso non percepiti in tempo da chi li subisce e per questo particolarmente terribile.

Quali sono le sue caratteristiche?

- E' sottile, non mira a far male fisicamente, ma ad emarginare la persona che è stata presa di mira.

- È premeditato. Le bulle architettano veri piani per colpire il bersaglio nei punti più profondi, quelli dove la violenza fisica non può arrivare.

- È una violenza morale. Come si diceva prima non si ricerca la violenza fisica, ma quella verbale.

Come si manifesta? Largo spazio a pettegolezzi, parole sussurrate quando compare la vittima, risatine, sorrisetti e smorfie, scherzi alle spalle e tutto ciò che comporta un pubblico ma sottile ludibrio. Quando la vittima compare, ci si raduna nel gruppo, le si lanciano occhiate, ogni tanto si dice a voce alta qualcosa che riguarda la vittima, magari una confidenza perché no... vale tutto ciò che può portare la vittima alla vergogna e all'esclusione.

La bulla è generalmente una ragazza ritenuta dai più intelligente e brillante, forse con qualche atteggiamento fuori dalle righe che le permette però di attirare l'attenzione su di lei. E' una leader, una capobranco che detta legge e regole su abbigliamento e comportamenti alle quali tutte si devono assoggettare. E' lei che decide chi sta dentro e chi sta fuori e...come far fuori. E' una persona definita forte che il resto del gruppo teme e che per questo fatica a non omologarsi. Il senso di appartenenza, fare parte della "elite che conta" è una cosa estremamente importante per le ragazze: il bullismo femminile appartiene ad un ambiente estremamente affascinante e fascinoso, modaiolo e trendy.

Un bullismo, quello femminile, indiretto e relazionale che mina l'autostima della vittima e in cui l'aggressività è data dalla lingua piuttosto che dalla mano.

Impariamo ad osservare i comportamenti delle nostre figlie e delle ragazze. Quello che pensiamo essere un carattere assertivo è veramente così o è prepotenza? La vis oratoria di cui magari farne un vanto è usata con consapevolezza? Non pensiamo che possa capitare solo agli altri: il bullismo femminile può rendere protagoniste anche le ragazze più insospettabili.

E nella nostra osservazione, preoccupiamoci anche delle vittime del bullismo femminile: vanno a scuola volentieri? Hanno amiche sincere sulle quali fare affidamento? Soffrono di disturbi alimentari o disturbi del sonno? Hanno frequenti crisi di pianto e una crescente insicurezza? Tendono a chiudersi in se stesse? Tutti questi potrebbero essere segnali non di un'adolescenza galoppante ma di un bullismo feroce. Apriamo il dialogo, oltre agli occhi.



50 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti